Parrocchia di Terme Vigliatore

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Parrocchia Santa Maria delle Grazie di Terme Vigliatore
E-mail Stampa PDF

Orario  delle SS. Messe

orarimesse


FESTIVI

ore 10.00 S. Maria delle Grazie

ore 19.00 Chiesa dei Benedettini


ore 20.15 S. Maria delle Grazie

FERIALI

ore 19.00  Chiesa dei Benedettini


SABATO

ore 09.30 Cappella SS.Crocifisso (cimitero)


ore 19.00  Chiesa dei Benedettini


 
E-mail Stampa PDF

Lectio Divina 

Lectio Divina 20  luglio  2014 - Tratto dal sito  dell'Ordine dei Carmelitani

 

La misteriosa crescita del Regno - La pazienza di Dio
Matteo 13, 24-43

1. Orazione iniziale

Spirito di verità, inviatoci da Gesù per guidarci alla verità tutta intera, apri la nostra mente all’intelligenza delle Scritture. Tu che, scendendo su Maria di Nazaret, l’hai resa terra buona dove il Verbo di Dio ha potuto germinare, purifica i nostri cuori da tutto ciò che pone resistenza alla Parola. Fa’ che impariamo come lei ad ascoltare con cuore buono e perfetto la Parola che Dio ci rivolge nella vita e nella Scrittura, per custodirla e produrre frutto con la nostra perseveranza.

2. Lettura

a) Divisione del testo:

Il testo consta di tre parabole, un intermezzo, e la spiegazione della prima parabola.
Le tre parabole, quella della zizzania e del grano (13, 24-30), quella del granello di senapa (13, 31-32), e quella del lievito (13, 33), hanno lo stesso scopo. Esse vogliono correggere l’aspettativa dei contemporanei di Gesù che credevano che il Regno di Dio avrebbe fatto irruenza con forza eliminando subito tutto ciò che gli era contrario. Attraverso queste parabole Gesù vuole spiegare ai suoi uditori che egli non è venuto per instaurare il Regno con potenza, ma per inaugurare i tempi nuovi gradualmente, nella quotidianità della storia, in un modo che spesso passa inosservato. Eppure la sua opera ha una forza inerente, un dinamismo e un potere trasformante che pian piano va cambiando la storia dal di dentro secondo il progetto di Dio... se si ha occhi per vedere!
In 13, 10-17, tra la parabola del seminatore e la sua spiegazione, l’evangelista inserisce un dialogo tra Gesù e i suoi discepoli in cui il Maestro spiega loro il motivo per cui alle folle parla solo in parabole. Anche qui, tra le parabole e la spiegazione, l’evangelista fa un breve commento sul perché Gesù parla in parabole (13, 34-35).
Segue infine la spiegazione della parabola della zizzania e del grano (13, 36-43). Ciò che colpisce in questa spiegazione è che mentre molti dettagli della parabola sono interpretati, non si fa un minimo cenno al fulcro della parabola, cioè al dialogo tra il padrone e i suoi servi riguardo alla zizzania che è cresciuta con il grano. Molti studiosi ne deducono che la spiegazione della parabola non risale a Gesù, ma è opera dell’evangelista e cambia il senso originario della parabola. Mentre Gesù intendeva correggere l’impazienza messianica dei suoi contemporanei, Matteo si indirizza ai cristiani tiepidi per esortarli e quasi minacciarli con il giudizio di Dio. Parabola e spiegazione fanno comunque parte del testo canonico e quindi vanno tenute ambedue in considerazione perché tutte e due contengono la Parola di Dio rivolta a noi oggi.

b) Il testo:

24-30: Un’altra parabola espose loro così: «Il regno dei cieli si può paragonare a un uomo che ha seminato del buon seme nel suo campo. Ma mentre tutti dormivano venne il suo nemico, seminò zizzania in mezzo al grano e se ne andò. Quando poi la messe fiorì e fece frutto, ecco apparve anche la zizzania. Allora i servi andarono dal padrone di casa e gli dissero: Padrone, non hai seminato del buon seme nel tuo campo? Da dove viene dunque la zizzania? Ed egli rispose loro: Un nemico ha fatto questo. E i servi gli dissero: Vuoi dunque che andiamo a raccoglierla? No, rispose, perché non succeda che, cogliendo la zizzania, con essa sradichiate anche il grano. Lasciate che l’una e l’altro crescano insieme fino alla mietitura e al momento della mietitura dirò ai mietitori: Cogliete prima la zizzania e legatela in fastelli per bruciarla; il grano invece riponetelo nel mio granaio».
31-32: Un’altra parabola espose loro: «Il regno dei cieli si può paragonare a un granellino di senapa, che un uomo prende e semina nel suo campo. Esso è il più piccolo di tutti i semi ma, una volta cresciuto, è più grande degli altri legumi e diventa un albero, tanto che vengono gli uccelli del cielo e si annidano fra i suoi rami».
33: Un’altra parabola disse loro: «Il regno dei cieli si può paragonare al lievito, che una donna ha preso e impastato con tre misure di farina perché tutta si fermenti».
34-35: Tutte queste cose Gesù disse alla folla in parabole e non parlava ad essa se non in parabole, perché si adempisse ciò che era stato detto dal profeta: Aprirò la mia bocca in parabole, proclamerò cose nascoste fin dalla fondazione del mondo.
36-43: Poi Gesù lasciò la folla ed entrò in casa; i suoi discepoli gli si accostarono per dirgli: «Spiegaci la parabola della zizzania nel campo». Ed egli rispose: «Colui che semina il buon seme è il Figlio dell’uomo. Il campo è il mondo. Il seme buono sono i figli del regno; la zizzania sono i figli del maligno, e il nemico che l’ha seminata è il diavolo. La mietitura rappresenta la fine del mondo, e i mietitori sono gli angeli. Come dunque si raccoglie la zizzania e si brucia nel fuoco, così avverrà alla fine del mondo. Il Figlio dell’uomo manderà i suoi angeli, i quali raccoglieranno dal suo regno tutti gli scandali e tutti gli operatori di iniquità e li getteranno nella fornace ardente dove sarà pianto e stridore di denti. Allora i giusti splenderanno come il sole nel regno del Padre loro. Chi ha orecchi, intenda!»

Leggi tutto...
 
E-mail Stampa PDF

XVIa Domenica del Tempo Ordinario

Domenica scorsa, Gesù ha raccontato la parabola del seminatore. La Sua narrazione continua, in questa domenica, con altre tre parabole del regno: il grano e la zizzania, il seme, il lievito.
La parabola del grano e della zizzania si pèone in continuità con quella del seminatore. Dio semina sempre e con pazienza – ci ha detto Gesù – ma il frutto di questa semina premurosa dipende anche dalla disponibilità del terreno, dalle sue radici costanti, dalla sua fertilità. Oggi, ancora una volta Gesù ci mette dinanzi alla situazione reale del campo di Dio: in esso, il Figlio dell’Uomo semina il seme buono e, tuttavia, vi cresce anche la zizzania.
Questo campo è anzitutto il cuore di ciascuno di noi ma è anche la Chiesa a cui l’evangelista Matteo sta dicendo, in fondo, di non peccare di perfezionismo: nella comunità, infatti, abitano i desideri più spirituali degli uomini insieme alle loro debolezze e vi sono discepoli autentici, veri e generosi insieme a discepoli dal percorso più complesso o che vivono maggiori difficoltà o, ancora, che mascherano con una religiosità apparente ed esteriore, il negativo che davvero abita il loro cuore. E’ così, semplicemente perché così è il cuore di ciascuno di noi: slanci e desideri positivi, propositi spirituali, profondità nella preghiera, fortezza evangelica nelle scelte sono tutte cose che possiamo vedere mescolate a momenti di stanchezza, ad aridità interiore, alla fatica di abbracciare e vivere con coerenza il Vangelo fino ad arrivare, talvolta, a vedere in noi pensieri, desideri e scelte che, consapevolmente o meno, sono addirittura una chiusura a Dio e alla Sua Parola.
Quale atteggiamento dinanzi a questa situazione ambigua, paradossale e delicata? Il Vangelo ci fa vedere una certa impazienza quasi fanatica degli apostoli – che credono ancora in una comunità di “soli perfetti” – e la pazienza misericordiosa e benevola di Dio che continua a seminare il bene nel suo campo e offre il tempo necessario perché questo grano buono cresca e prevalga. Gesù ci fa vedere che il cuore dell’uomo, la vita della Chiesa e il grembo della storia sono ancora impastati di bene e male, di aperture verso l’alto insieme a fragilità e decadimenti; ma ci mostra anche, che Dio è paziente, sta dentro questo campo lottando al nostro fianco perché prevalga, in ogni cuore, situazione o circostanza, il grano buono e offre il tempo necessario perché chi è caduto possa pentirsi, lasciarsi trasformare e rialzarsi. Solo alla fine, ci sarà la mietitura. In tal senso, Gesù ci offre un bellissimo annuncio: il regno di Dio non è autoritario, non è violento, non vuole soldati allineati e perfetti, non conosce la fretta di chi vuole solo strappare e sradicare; è invece mite, paziente, piccolo. Cresce come il seme buono, invisibile e piccolo, eppure capace di far sorgere alberi che danno ristoro agli uccelli. O come un lievito che sta nella pasta della vita quotidiana, delle nostre frette, dei rumori delle nostre città, delle battaglie che sosteniamo e perfino dei nostri errori: il lievito c’è e riesce a portare a maturazione la nostra vita, a farla crescere, a elevarla.

Leggi tutto...
 
E-mail Stampa

Pellegrinaggio a Pompei, Cascia, Assisi e San Giovanni Rotondo

24 - 28 Settembre

in pulmann Gran Turismo e nave

 

  • 24/09/2014      Ore  04.00 0 Partenza da  Terme Vigliatore.Arrivo a Pompei.Visita del Santuario:Pranzo al Ristorante Zì Caterina (0818507447).Subito dopo, partenza per Cascia.Cena.Sistemazione nell'Hotel delle Rose (074376241).
  • 26/09/2014  Assisi. Visita della basilica S.Maria degli Angeli e della Porziuncola.Visita della basilica di San Francesco, della basilica S.Chiara, della casa natale di San Francesco etc.
  • 27/09/2014    Assisi.Continua la visita dei luoghi Francescani:Dopo pranzo partenza per  San Giovanni Rotondo. Cena e sistemazione in albergo – Hotel Santi Angeli.Dopo cena partecipazione a riti religiosi.
  • 28/09/2014    San Giovanni Rotondo.Prima colazione visita delle basiliche, del convento, celebrazione della S.Messa. Pranzo ed inizio viaggio di ritorno a Terme Vigliatore.

 

 

padrepio
 
E-mail Stampa PDF

Lotteria Festa Patronale 2014

1° Premio: Automobile Kia Picanto 1.0 5p Benzina Full Optionale garanzia 7 anni
Concessionaria Leon Car Srl - Barcellona P.G.
IVA e immatricolazione a carico del vincitore
2° Premio: Viaggio a Pompei, Cascia, Assisi e  S. Giovanni Rotondo per due persone

Lotteria 2014

 
  • «
  •  Inizio 
  •  Prec. 
  •  1 
  •  2 
  •  3 
  •  4 
  •  5 
  •  6 
  •  7 
  •  Succ. 
  •  Fine 
  • »


Pagina 1 di 7

La Chiesa.it

News dal Mondo cattolico

 

Cerca un Santo

Siti cattolici

 

 


Utenti : 1
Contenuti : 129
Link web : 21
Tot. visite contenuti : 140321