Parrocchia di Terme Vigliatore

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Parrocchia Santa Maria delle Grazie di Terme Vigliatore
E-mail Stampa PDF

Orario  delle SS. Messe

orarimesse


FESTIVI

ore 10.00 S. Maria delle Grazie

ore 11.30 S. Maria delle Grazie

ore 17.30 Chiesa dei Benedettini


ore 19.00 S. Maria delle Grazie

FERIALI

ore 17.30 Chiesa dei Benedettini


SABATO

ore 09.30 Cappella SS.Crocifisso (cimitero)


ore 17.30  Chiesa dei Benedettini


 
E-mail Stampa PDF

Lectio Divina 

Domenica  12 novembre 2017 - Tratto dal sito  dell'Ordine dei Carmelitani

 

La parabola delle dieci vergini
Prepararsi per l’arrivo improvviso di Dio nella vita
Matteo 25,1-13

1. Orazione iniziale

Signore Gesù, invia il tuo Spirito, affinché ci aiuti a leggere la Scrittura con lo stesso sguardo, con il quale Tu la leggesti ai discepoli sulla strada di Emmaus. Con la luce della Parola, scritta nella Bibbia, Tu li aiutasti a scoprire la presenza di Dio negli avvenimenti sconvolgenti della tua condanna e della tua morte. Così, la croce che sembrava essere la fine di ogni speranza, è apparsa loro come sorgente di vita e di risurrezione.
Crea in noi il silenzio per ascoltare la tua voce nella creazione e nella Scrittura, negli avvenimenti e nelle persone, sopratutto nei poveri e nei sofferenti. La tua parola ci orienti affinché anche noi, come i due discepoli di Emmaus, possiamo sperimentare la forza della tua risurrezione e testimoniare agli altri che Tu sei vivo in mezzo a noi come fonte di fraternità, di giustizia e di pace. Questo lo chiediamo a Te, Gesù, figlio di Maria, che ci hai rivelato il Padre ed inviato lo Spirito. Amen.

2. Lettura

a) Una chiave di lettura:

Meditiamo la parabola delle dieci vergini, o delle dieci giovani ragazze. Nelle parabole Gesù ama usare fatti ben conosciuti della vita del popolo come mezzo di paragone per chiarire un aspetto sconosciuto del Regno di Dio. Nel caso della parabola delle dieci vergini, egli costruisce una storia attorno al comportamento differente delle ragazze che accompagnano lo sposo nel giorno di festa del matrimonio. Questo fatto ben noto a tutti è usato da Gesù per chiarire l’avvenimento dell’arrivo improvviso del Regno di Dio nella vita delle persone.
Generalmente Gesù non spiega le parabole, ma dice: "Chi ha orecchi per intendere intenda!" Ossia: "E’ così. Avete udito! Ora cercate di capire." Egli provoca le persone, perché i fatti conosciuti nella vita quotidiana li aiutino a scoprire gli appelli di Dio nella loro vita. Egli coinvolge gli uditori nella scoperta del significato della parabola. L’esperienza che ciascuno ha del fatto di vita narrato nella parabola, contribuisce a scoprire il senso delle parole di Gesù. Segno che Gesù aveva fiducia nella capacità di comprensione delle persone. Essi diventano co-produttrici del significato.
Alla fine della Parabola delle dieci vergini, Gesù dice: "Vigilate, dunque, perché non sapete né il giorno né l’ora." Questo avvertimento finale serve come chiave di lettura. Essa indica la direzione del pensiero di Gesù. Durante la lettura cercare di scoprire quale sia il punto centrale di questa parabola che serve a Gesù come similitudine con il Regno di Dio.

b) Una divisione del testo per aiutare nella lettura:

Mt 25,1-4: L’atteggiamento differente delle ragazze che accompagnano lo sposo: cinque prudenti e cinque stolte
Mt 25,5-6: Il ritardo dello sposo e il suo arrivo improvviso nella notte
Mt 25,7-9: L’atteggiamento differente della prudenti e delle stolte
Mt 25,10-12: La sorte differente delle prudenti e delle stolte
Mt 25,13: Conclusione della parabola.

c) Il testo:

1-4: Il regno dei cieli sarà simile a dieci vergini che, prese le loro lampade, uscirono incontro allo sposo. Cinque di esse erano stolte e cinque sagge; le stolte presero le lampade, ma non presero con sé olio; le sagge invece, insieme alle lampade, presero anche dell’olio in piccoli vasi.
5-6: Poiché lo sposo tardava, si assopirono tutte e dormirono. A mezzanotte si levò un grido: Ecco lo sposo, andategli incontro!
7-9: Allora tutte quelle vergini si destarono e prepararono le loro lampade. E le stolte dissero alle sagge: Dateci del vostro olio, perché le nostre lampade si spengono. Ma le sagge risposero: No, che non abbia a mancare per noi e per voi; andate piuttosto dai venditori e compratevene.
10-12: Ora, mentre quelle andavano per comprare l’olio, arrivò lo sposo e le vergini che erano pronte entrarono con lui alle nozze, e la porta fu chiusa. Più tardi arrivarono anche le altre vergini e incominciarono a dire: Signore, signore, aprici! Ma egli rispose: In verità vi dico: non vi conosco.
13: Vegliate dunque, perché non sapete né il giorno né l’ora.

Leggi tutto...
 
E-mail Stampa PDF

XXXII Domenica del T.O. - Anno A

"La Sapienza si lascia trovare"!

Quale grande annuncio per gli uomini di ogni tempo, per tutti i cercatori della verità! La sapienza non si nasconde, non si sottrae all'umile ricerca della nostra ragione e non è una chimera inaccessibile. Se l'uomo desidera conoscere la verità ed impegna lealmente la propria libertà e le proprie energie nel ricercala, la sapienza non tarda a manifestarsi in quella "sintonia" ed "accoglibilità" che le è propria.
Nonostante la mortale ferita del peccato delle origini, sanata dalla morte e risurrezione del Signore, l'uomo é rimasto "capax Dei" e perciò "capax veritatis et capax sapietiae".
L'uomo é davvero "capace" di Dio, capace della verità e della sapienza. Per questa ragione, il fecondo connubio tra la capacità ed il desiderio dell'uomo, da un lato, e la generosità della sapienza, che si manifesta e si dona, dall'altro rappresenta una delle esperienze umane più significative ed un reale "preambolo" a quell'incontro con il Signore che chiamiamo: "fede".
É sempre straordinariamente affascinante riconoscere come la ragione e la fede vivano in profonda inseparabile unità. La ricerca della sapienza, nella quale l'uomo é chiamato ad impegnare le proprie migliori energie, e l'incontro con essa, che rivela sempre una "ulteriorità" ed una non-deducibilità anche teoretica delle conoscenze acquisite-incontrate, è l'icona più efficace di quell'attesa "dello sposo", della quale ci parla la pagina evangelica.
La parabola delle dieci vergini descrive sia il Regno di Dio, presente ed in atto oggi, sia l'evento escatologico della fine della storia, del quale, dice il Signore: "Non sapete né il giorno né l'ora" (Mt 24,13).
Nella narrazione evangelica avviene come un "superamento" del testo della prima lettura; viene rivolto un invito ad una totalmente nuova, "altra", personale e prudente sapienza. Non è sufficiente, per l'ultimo giorno, il desiderio di "entrare alle nozze", non basta riconoscere "la voce dello sposo". L'utilizzo umile e realista della

Leggi tutto...
 
E-mail Stampa PDF

Adorazione Eucaristica

 

SS. Sacramento

Tutti i Giovedì

Chiesa Santa Maria delle Grazie

ore 16.00 - 19.00

Adorazione Eucaristica

Un momento privilegiato per riscoprire il valore della preghiera

e per vivere istanti di comunione davanti a Gesù Eucarestia

S.Messa

Lectio Divina
 
E-mail Stampa PDF

Santa Teresa d’Avila

Santa Teresa d'Avila Nata nel 1515, fu donna di eccezionali talenti di mente e di cuore. Fuggita da casa, entrò a vent’anni nel Carmelo di Avila, in Spagna. Faticò prima di arrivare a quella che lei chiama la sua «conversione», a 39 anni. L’incontro con alcuni direttori spirituali la lanciò a grandi passi verso la perfezione. Nel Carmelo concepì e attuò la riforma che prese il suo nome. Unì alla più alta contemplazione un’intensa attività come riformatrice dell’Ordine carmelitano. Dopo il monastero di San Giuseppe in Avila, con l’autorizzazione del generale dell’Ordine si dedicò ad altre fondazioni ed estese la riforma anche al ramo maschile. Fedele alla Chiesa, nello spirito del Concilio di Trento, contribuì al rinnovamento dell’intera comunità ecclesiale. Morì a Alba de Tormes (Salamanca) nel 1582. Beatificata nel 1614, venne canonizzata nel 1622. Paolo VI, nel 1970, la proclamò Dottore della Chiesa

Santa Teresa d’Avila e il Castello Interiore Nel Libro Teresa descrive il percorso verso la preghiera, percorso fatto di fatiche ma anche segnato dalla gioia e dalla consolazione ,la strada del cammino per entrare al centro di noi stessi. L’anima comincia il suo percorso e passa attraverso “le sette dimore” o le sette stanze.
Nel Castello interiore Teresa delinea il celebre itinerario dell’anima nelle sue sette dimore interiori, alla ricerca dell’unione perfetta con Dio, che abita nel profondo di noi stessi. Grado per grado, spinta dall’amore e dal desiderio di verità e libertà, la coscienza si purifica, trova consolazione, giunge alla pace e alla gioia perfetta.

Scarica il testo "Il Castello Interiore" Scarica le schede  Scheda 1 - Scheda 2 - Scheda 3.

.

 
E-mail Stampa PDF

Programma Religioso Festa patronale 2017

SS Maria delle Grazie

Dall'1 al 12 Settembre
Ore 18.00 S. Rosario • Catechesi: «Leggiamo la Bibbia», Supplica a Maria Santissima delle Grazie.
Ore 19.00 Celebrazione eucaristica.
A seguire Esposizione del Santissimo.
Ore 20.30 Benedizione eucaristica.

Domenica 10 Settembre
Ore 10.00 Celebrazione eucaristica - Chiesa S. Maria delle Grazie.
Ore 16.00 Trasferimento dell'effige della Modonna per via Badia, via Amendola, Ponte Termini per l'omaggio floreale. Trasferimento dell'effige di S. Biagio attraverso Salirà. Ore 18.00 S. Rosario e celebrazione eucaristico presso l'Arena Lungomare Marchesana.
Benedizione della propria Bibbia.

Mercoledì 13 Settembre
STORICA FIERA DI TERMINI

Ore 07.30 Celebrazione eucaristico e benedizione della Fiera
09.30/11.00/19.00 Celebrazione eucaristica

Giovedì 14 Settembre
ESALTAZIONE DELLA S. CROCE

Ore 19.00 Celebrazione eucaristica.
Ostensione della reliquia della Santa Croce e benedizione del basilico.

Venerdì 15 Settembre
SOLENNITÀ DI MARIA SANTISSIMA DELLE GRAZIE,CELESTE PATRONA DI TERME VIGLIATORE

Ore 07.30/08.30/09.30/11.00 Celebrazione eucaristica
Ore 16.00 Processione con la venerata immagine della Madonna lungo il tradizionale percorso.
Ore 21.00 S. Messa - Parco dei Benedettini.

Venerdì 22 Settembre
OTTAVA DELLA FESTA PATRONALE

ore 19.00 Celebrazione eucaristica e consegnadei premi.

Sabato 23 Settembre
FESTA DI SAN PIO DA PIETRELCINA

Ore 18.30 S. Rosario e Celebrazione eucaristica Chiesa S. Maria delle Grazie.

Ultimo aggiornamento Martedì 08 Agosto 2017 10:43
 
E-mail Stampa PDF

Programma delle manifestazioni socio culturali Festa Patronale 2017

Lunedì 11 Settembre
Ore 21.00 MESSINA BRASS BAND (Gruppo musicale) offerto dall'amministrazione comunale

Dal 12 al 15 Settembre
Apertura degli Stand della Fiera di Terme dalle ore 17.00 alle ore 24.00

Martedì 12 Settembre
Ore 21.00 TEATRO - Ettore Petrolini - «ERMELINDA» offerto dall'amministrazione comunale

Mercoledì 13 Settembre
Ore 07.00 Spari a colpi di cannone. Inizio plurisecolare Fiera di Terme. Mattina Sagra del dolce. La raccolta sarà devoluta in beneficenza.
Ore 21.00 SERATA MUSICALE con Miriam Masala, Davide Merlini e con la partecipazione straordinaria del Rumorista Alberto Caiazza

Giovedì 14 Settembre
Ore 21.00 CONCERTO Bianca Atzei
in "BIANCA LIVE TOUR 2017".

Bianca Atzei

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Venerdì 15 Settembre
Ore 07.00 Spari a colpi di cannone.
Ore 09.00 Esibizione della Banda musicale «GIUSEPPE VERDI» nei quartieri cittadini.
Ore 23.55 Estrazione finale LOTTERIA FESTA PATRONALE Manifestazione di sorte locale DPR 430/2001

Segue lo spettacolo pirotecnico della Ditta VITO COSTA E FIGLI - Barcellona PG. Illuminazione artistica della Ditta RAIMONDO PIRRI

Ultimo aggiornamento Martedì 08 Agosto 2017 11:29
 
  • «
  •  Inizio 
  •  Prec. 
  •  1 
  •  2 
  •  3 
  •  4 
  •  5 
  •  6 
  •  Succ. 
  •  Fine 
  • »


Pagina 1 di 6

Utenti : 1
Contenuti : 155
Link web : 21
Tot. visite contenuti : 293161